Monastero dell'Immacolata - Castellana Grotte (BA)


Vai ai contenuti

Cinquant'anni di vita monastica

Cinquant'anni di professione monastica che coincidono con i cinquant'anni della nostra venuta a Castellana Grotte. Sono tanti ma ricordo tutti i timori, le gioie e le paure che una nuova fondazione porta con sè. Erano gli anni del Concilio Ecumenico Vaticano II e il Vescovo era impegnato a Roma tutta la settimana cosi facemmo la Professione, io e suor Emanuela, di venerdì alle h 15.00… tutto un programma!
Voglio condividere con voi ciò che il Signore ha operato nella nostra vita. Nell ardore degli inizi e della gioventù ogni difficoltà ci sembrava leggera e siamo andate avanti sostenute dalla gioia del nostro vivere insieme, anche con le diversità dei caratteri abbiamo cercato di guardare il lato positivo di ognuna di noi.

Grazie a Dio abbiamo avuto guide spirituali forti,

come non ricordare il Padre abate Giovanni Ceci che ha guidato la nostra piccola comunità fin dagli inizi cercando di non farci sentire il disagio che una nuova fondazione porta con sè, insieme a Padre Emanuele che per quarant'anni è venuto ogni giorno e non ci ha fatto mai mancare la santa Messa e la Parola di Dio condivisa e commentata.
La madre Maddalena, monaca che ha cercato di farci amare la Regola di Benedetto nella preghiera e nel lavoro, esempio di maternità, di riservatezza e di signorilità che ha guidato la nostra comunità da quando, giovani novizie, siamo venute in terra di Puglia. Ora voi vedete un Monastero reso bello dal lavoro assiduo di ciascuna monaca. Posso testimoniare che ci sono stati momenti in cui volevamo lasciare tutto a causa delle difficoltà, ma il Signore ci ha dato la forza di andare avanti perché siamo state sempre sostenute dalla benevolenza della gente e dall'amore costante dei nostri confratelli della Abbazia de La Scala di Noci, che condividevano con noi il lavoro del restauro.

Se noi oggi siamo qui lo dobbiamo alla generosità della nobildonna Teresa Gabrieli e dell'amica Lina Angelini che hanno condiviso con noi i primi dieci anni di fondazione.

Io e Suor Emanuela ricordiamo con gioia la nostra Professione Solenne nella piccola cappellina di allora, senza parenti, amici e conoscenti, nascoste al mondo ma non a Dio che ha accolto la nostra offerta.
Ora invece siamo attorniate dal nostro vescovo Monsignor Domenico Padovano che ci ha onorate con la sua presenza e la sua parola dolce e suadente, e da tanti sacerdoti della nostra Diocesi, della Diocesi di Bari e di Barletta, e da tanti amici che credono alla bontà della nostra vita monastica e ci sono vicini con la stima e l'affetto.

Una cosa ho imparato in tutti questi anni, ma specialmente da quando sono a servizio di questa comunità come Priora: ad amare tutte le mie sorelle e farmi carico delle loro gioie e delle loro preoccupazioni cercando nel dialogo, come dice il nostro santo Padre Benedetto, di essere forti con i forti e sostenere i deboli perche non cadano lungo il cammino della vita. Posso affermare che sono stata riamata dalle mie consorelle e questo per la loro bontà e benevolenza, non per i miei meriti. Un fiore è stato trapiantato nel cielo: la Madre Maria Antonietta Lattarulo che sta festeggiando con noi dal cielo questo giorno, siamo certe che lei proteggerà la nostra comunità che ha amato tanto e dalla quale è stata riamata, anche per la sua capacità di relazionarsi con le sorelle nel servizio costante e generoso.
In tutti questi anni abbiamo avvertito la protezione della Vergine Maria, a Lei è dedicato il nostro Monastero e nuovi germogli stanno crescendo vicino al vecchio albero che siamo noi, che cerchiamo di trasmettere la bellezza di una vita offerta a servizio di tutta la Chiesa nella ricerca costante della volontà Dio.
Sento, e in questo so di farmi portavoce anche del sentimento di suor Emanuela, la vostra presenza affettuosa e sincera, per questo vi ringrazio insieme a lei, con l'augurio che faccio a noi stesse di poter sempre manifestare la fedeltà di Dio anche quando la pesantezza degli anni vorrebbe farci perdere il passo.
Voi continuate a volerci bene…



Torna ai contenuti | Torna al menu